LA DIVINA PRESENZA DELL’ESSERE


IL CORPO CAUSALE, IL CORPO DI CAUSA ED EFFETTO


Quando esercitiamo il nostro libero arbitrio, le energie di Dio che qualifichiamo con l'armonia, salgono al nostro corpo causale. Queste energie sono depositate nelle dodici sfere di Luce che corrispondono ai sette chakra principali e ai cinque  chakra segreti che usiamo nelle nostre attività creative. Esse vengono aggiunte al nostro elo di vita come "talenti" che possiamo aumentare se di essi faremo un buon uso, vita dopo vita.

Questo è il terzo dei tre corpi superiorE - è il corpo di causa ed effetto - è il corpo relativo al karma positivo. Questa è la nostra banca sul piano etereo, questa è la nostra stella che brilla nel cielo. Questa è la stella di Gesù che si splendeva nel cielo il giorno della sua nascita. É la potenza degli individui accumulata di tutte le sue vite passate. Questo è il corpo delle cause e degli effetti positivi della persona, perché solo la perfezione può salire attraverso Cristo Mediatore. L'imperfezione rimane sulla Terra fino a quando sia trasmutata dal soggetto in energia positiva e accettabile al Padre / Presenza Divina.

L'obiettivo principale di questo corpo è dare gioia, benessere all'anima attraverso il chakra della terza visione. Questo significa che dobbiamo visualizzare solo delle immagini allegre e positive con il fine di  magnetizzare le energie positive di quel corpo. Un buon modo di controllare l'uso della terza visione è quello di pensare che se l’ immagine che uno ha in mente avrebbe portato dolore a sé stesso o a  qualsiasi di quelli coinvolti nell’ immagine; allora sarà sbagliata e non è la via del bene.

Come si può usare questo corpo? Diciamo che in una delle  vite precedenti uno era un grande commercialista o un matematico. Se in questa vita sta avendo dei problemi di apprendimento di matematica, dovrebbe invocare il proprio Santo Cristo per portargli l'energia e i ricordi di quella vita in cui  conosceva la matematica. Così, sarà molto più facile di sviluppare quella conoscenza.

Al parlare di fiamme gemelle, si deve ricordare che esse sono responsabili l'una per l’altra. Ciò che una fa di bello o di cattivo, aumenta o diminuisce il peso sulle spalle dell’altra. Le due condividono lo stesso corpo di causa ed effetto. Se la nostra fiamma gemella è ascesa, avremo molto aiuto, se sarà troppo negativa, può avere bisogno del nostro aiuto. Quindi si deve pregare per le nostre fiamme gemelle e chiedere a Dio di elevare le nostre coscienze ogni giorno.

Un'altra cosa importante da dire sul nostro corpo causale, è che esso esiste per tenere tutta l'energia che il Padre ci ha dato. Ciò significa che dobbiamo andare dietro a tutte le energie che una volta  le abbiamo male qualificate per metterle nella fiamma purificatrice di Dio, cioè, c’è il bisogno di più energia per purificare le energie male qualificate di vite passate.

Per ogni porzione di energia male qualificata, avremo bisogno della stessa quantità di energia dal fuoco Viola di Dio per purificare e recuperare le energie male qualificate, Gliela portando di nuovo. Quindi, siccome ci ha dato una guardia istruttore e guida, un Angelo Custode che ci porta i Suoi messaggi, ci ha dato anche un Angelo purificatore di energie negative, il nostro amato Santo Spirito.

Egli agisce nello stesso livello del cuore, dov’è la personalità del Figlio di Dio. Egli attua come lo Spirito Santo o Shiva; è l’impersonalità Personale. Egli agisce in modo imparziale ed emotivamente coinvolto. A Shiva siamo tutti uguali, senza distinzione. La Sua funzione è allo stesso livello del figlio, fungendo da mediatore tra la Terra e il cielo, filtrando l'energia negativa, trasformandola in positiva attraverso il fuoco viola e il fuoco rubino.

É il fuoco dell’Amore Divino che agisce come distruttore del male. Questo è il modo per depurarci le nostre creazioni del male; è l'amore di Dio che consuma tutte le imperfezioni. Quando abbiamo bisogno di purificarci è con Shiva che ci incontriamo. Dobbiamo ottenere la Sua attenzione. La magia nera e il male sono facilmente consumati dal fuoco di Shiva. Lo Spirito Divino nelle nostre mani, giacché agendo con l'impersonalità personale, entra in una lotta con noi, e il Suo amore consuma l'odio del nemico della Luce e dell’ Amore Divino.

Con Shiva raggiungiamo la Realtà Divina dell’abbondanza del regno di Dio e il completamento del nostro Piano Divino, con la conseguente ascesa al livello di Dio.

La compassione e il perdono sono le parole di ordine di Shiva. Siccome Lui ci ama tutti allo stesso modo, aspetta che noi ci perdoniamo gli uni agli altri. Non possiamo chiederGli di perdonare i nostri errori, consumando le energie che male abbiamo qualificato in altre vite, se non perdoniamo lo stesso errore nei nostri fratelli. Il giudizio appartiene a Dio. Non possiamo giudicare nessuno, non si sa se uno fra noi fummo stati, per esempio, un ladro in qualche vita passata.

Quindi, se non perdoniamo tutti i ladri del mondo, i nostri sbagli, come ladri, non saranno perdonati. "Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno". Gesù non ha detto questo perché stavano uccidendo il figlio di Dio, ma perché sapeva che non poteva giudicare nessuno. Sapeva che se avessero saputo la verità, e la conoscenza include la comprensione della Realtà Divina, allora ognuno avrebbe fatto il meglio e non  avrebbero agredito né Gesù né alcun figlio di Dio.

Vittoria Sempre Alla Luce!
Paulo R. Simões -
www.eusouluz.com.br


Copyright © Paulo Rodrigues Simoes - 2004 - Tutti i diritti riservati - Autorizziamo la riproduzione dei nostri contenuti su altre pagine web per soltanto motivi di studio. Tuttavia, questo nostro lavoro è protetto dalla legge dei diritti d’autore, il che  ci riserva il diritto di richiedere i nomi degli autori e la fonte del lavoro utilizzato negli studi.

Nell’utilizzo dei nostri testi, indicate sempre il sito web - www.eusouluz.com.br.


Ritorno